16 marzo 2006

pensieri

27 commenti:

igort ha detto...

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:
Piace anche a te il grande Keaton? io credo che sia un'icona che ha superato i confini della cinematografia. Molto meno sdolcinato di Chaplin. Paradossale e asciutto. Se dovessi definire in cosa il 1900 è stato un secono memorabile credo che Keaton sarebbe senz'altro della famiglia, insieme a Armstrong, Brancusi e pochi altri.
leggo spesso il tuo blog, anche se non intervengo (quasi) mai.
Ciao
Annalisa

roberto la forgia ha detto...

ehi, igort, stai postando uno alla volta i migliori.

andrea barbieri ha detto...

Keaton era uno degli attori preferiti di Beckett il quale da giovane aveva visto quasi tutti i suoi film. Dopo qualche difficoltà iniziale Keaton accettò la parte. L'incontro tra Beckett e Keaton è descritto magistralmente da Alan Schneider nel suo On directing "Film" (pubblicato in Italia in Einaudi/Gallimard 1994). Fu un dialogo tra muti, l'incontro tra due giganti del silenzio.

qui

igort ha detto...

Si' amo Keaton e amo Al Hirschfeld (autore di questo magnifico disegno), che, al pari di Steinberg ha fatto la storia della grafica americana.
Si impara molto da Keaton, per la maniera di gestire le emozioni senza descriverle.
Definire Chaplin sdolcinato mi pare ingiusto e probabilmente eccessivo. Chaplin ha molto influito sul modo di fare cinema di De Sica, per esempio.

Grazie per la segnalazione su FILM di Beckett.

In effetti un'altro elemento che mi interessa di Keaton e di Beckett è l'uso del silenzio.

boris battaglia ha detto...

grazie igort,
meno male ci hai pensato tu a rintuzzare chi definisce chaplin sdolcinato...
stavo per postarne una mia, poi eravamo da capo

sciao
boris

Sparidinchiostro ha detto...

C'è una raccolta di scritti di Lucio Fulci, pubblicata da Granata all'inizio degli anni 90, che contiene alcune memorie su momenti gloriosi di cinema italiano abbastanza pecoreccio.
In uno dei pezzi si racconta di questo ultimo film di Keaton, girato a Roma con Franchi e Ingrassia. Pare che, a un certo punto, Franchi abbia preso da parte Fulci lamentandosi del fatto che quel musone americano non facesse ridere.
Come nei fumetti, l'unica cosa che mi viene da dire è: !!!

igort ha detto...

Trovo che Segar e Chaplin abbiano delle cose in comune. Una visione ironica e complessa dell'esistere.

Ma ci sarebbe da dire tanto ancora.

igort ha detto...

Per Sparid'inchiostro
La cosa che fa ridere è l'uscita di Franco Franchi, che è pecoreccia e si definisce da sola. A volte mi perdo a immaginare cosa dovesse pensare il povero keaton di questi che prendevano la sua maschera e cercavano di stiracchiarla a loro uso e consumo solo perchè lui era in bolletta e misconosciuto.

Non sono neppure convinto che la cosa di beckett sia una cosa meravigliosa. A me Keaton piace proprio perché è Keaton.

Tanto per farsi dei nemici a gratis diro' poi che certe letture di letterati, anche di rango, mi lasciano perplesso o ridanciano.

Essere dei "fini intellettuali" non autorizza, per esempio, a non capire un cazzo di arte. per dire: avete mai letto il pamphlet di Genet su Giacometti?
Io l'ho trovato elucubrante, pretenzioso e in fin dei conti esilarante.
Si capisce, leggendolo, che Genet non ha la minima idea di come nasca un dipinto o una scultura.

E vi scrive uno che ha amato Jean Genet.
Ma a tutto c'è un limite.

andrea barbieri ha detto...

Se un intellettuale è una persona seria è il primo a dire che non si può capire tutto, che gettare un ponte fra arti è rischioso, gli altri sono tromboni e stanno bene fra loro, a fare una banda che se la suona e se la canta.

Però, riuscito o non riuscito il film di Beckett, comunque rimane il fatto che l'alto e il basso esisteranno pure, ma non come noi facilmente li immaginiamo. Keaton non sta in basso e l'interesse di Beckett lo conferma. Così come Ejzenstejn considerava Walt Disney un grande artista. Il mondo è complesso, i piani infiniti, abbiamo sempre qualcosa di cui meravigliarci. Questo non è un pistolotto, è un w la vita.

andrea barbieri ha detto...

«A volte ho paura a guardare le sue opere. Paura di quella loro perfezione assoluta. Sembra che quest’uomo non conosca solo la magia di ogni mezzo tecnico, ma sappia anche agire sulle corde più segrete dei pensieri, delle immagini mentali e dei sentimenti umani. Così dovevano agire le prediche di san Francesco d’Assisi; così ci incantano i dipinti del Beato Angelico. Egli crea in una zona dell’ intimo più profondo e primitivo. Là dove tutti siamo figli della natura. Crea a livello di una rappresentazione dell’uomo non ancora incatenato dalla logica, dalla ragione, dall’esperienza. È così che le farfalle creano il loro volo, che i fiori crescono, che i ruscelli si stupiscono essi stessi del loro corso. Così ci affascina Andersen, e Alice nel suo paese delle meraviglie. Così scriveva Hoffmann nei momenti di lucidità. Tale è la corrente elettrica di due immagini che si compenetrano»


Così Ejzenstejn su Walt Disney qui

(scusate ma ho scoperto i tag html e sono in prenda a un senso di onnipotenza impaginatoria :-)

igort ha detto...

In futuro voglio tornare al rapporto Eisenstein-Disney.

Tra alto e basso , per uno come me che è cresciuto con Del buono, i confini sono troppo labili.
Come si fa a dire che Keaton è alto e beckett basso?
Eppure io lo dico.

igort ha detto...

P.S. scherzo. A forza di frequentare quel cazzone di Pinterdonato inizio a cazzeggiare anche io.

ponkyo ha detto...

Mi risulta che Segar prima del Thimble Theatre abbia fatto delle strip su Chaplin, uscite anche da noi. Ricordo un vecchissimo albo orizzontale edito forse nei'70 da nn so chi (mai trovato) e un annuncio di ristampa sui cataloghi piuttusto recente che chissà se poi è mai uscita. Quando si dice la precisione, eh?

Sparidinchiostro ha detto...

Ehi!!!

andrea barbieri ha detto...

Ponkyo sei più cazzutamente preciso di Zappa!
Visto che si può cazzeggiare: RLF critica Chaplin e Chaplin si vendica reincarnandosi nel suo avatar :-))))

ps, ritengo il pezzo scritto da Ejzenstejn bellissimo per i suoi movimenti tra Disney, S. Francesco e Beato Angelico (questo non è cazzeggio, sono serissimo).

igort ha detto...

Boris, ne sai qualcosa di queste strips di segar su Chaplin?

roberto la forgia ha detto...

andrea, sei pazzo da legare. cos'è un avatar???

andrea barbieri ha detto...

l'avatar è l'immaginetta che usi nei tuoi post: non vedi che è posseduta da Chaplin! :-)))

Effettivamente sono abbastanza pazzo :-)

boris battaglia ha detto...

charlie chaplin's comic capers
primo lavoro di Segar nel 1916, pubblicate in volumetti nel 1917 da M.A. Donohue
non mi risultano edizioni in commercio, tempo fa cercandole le trovai solo sul mercato collezionistico a circa 400/500 dollari il volumetto. mai potute vedere.
sembra che non ebbero grande successo, fu solo Outcault a incoraggiare Segar a continuare a fare fumetti e -credo- a presentarlo a Hearts.
lì nacque il Timble Theater.

scusate le imprecisioni ma vado di fretta e non posso consultare niente

sciao
boris

Nanni ha detto...

Secondo me Annalisa non ha tutti i torti a definire Keaton meno sdolcinato di Chaplin. Cioè il paragone è calzante...le situazioni di Chaplin giocano con l'ambiguità fra il comico ed il patetico. Non mi pare che si possa dire lo stesso di Keaton. C'è un bello spezzone, visto in Tv, dove duettano, Charlot al violino e Buster Keaton al pianoforte.

Franco franchi non l'avevano invitato, non so bene perchè.

Battuta: fra Keaton e Beckett, non saprei chi fosse il più alto, bisognerebbe controllare...

Niccolò ha detto...

Una cosa è certa ,personalità raffinate e così naturalmente poetiche come Keaton e Chaplin non ce ne sono più , essi facevano cinema sognando e facendo sognare.
Non avevano bisogno di niente tranne che di loro stessi per creare piccole perle di magia capaci di arrichirci di emozioni, guardarli e riguardarli è un picere che fà bene al cuore . Grazie Igort per aver ricordato Keaton , non se ne parla mai abbastanza.

roberto la forgia ha detto...

andrea, non sei il primo che nota la mia somiglianza con chaplin...
ehm ehm, modestamente...

comunque preferisco keaton.
proprio negli ultimi giorni pensavo di fare una rassegna di comiche all'aperto.

carlo barba ha detto...

Grandissimo Hirschfeld...

è una mia impressione o ha influenzato molto Cabu? Non fosse quest'ultimo così sciatto e approssimativo...

Carlo

carlo barba ha detto...

Grandissimo Hirschfeld...

è una mia impressione o ha influenzato molto Cabu? Non fosse quest'ultimo così sciatto e approssimativo...

Carlo

carlo barba ha detto...

Grandissimo Hirschfeld...

è una mia impressione o ha influenzato molto Cabu? Non fosse quest'ultimo così sciatto e approssimativo...

Carlo

Anonimo ha detto...

Visto che siete tra i pochi a conoscere ed apprezzare il film di Beckett con Keaton protagonista, mi permetto di segnalarvi il mio volume appena uscito "Beckett e Keaton: il comico e l'angoscia di esistere" (Edizioni dell'Orso, Alessandria 2006)che è il secondo libro al mondo e il primo in Italia su questo argomento.
Viene studiata l'influenza di scrittori, filosofi e registi, la forma cinematografica, le aderenze tra i mondi dei due artisti. Cisono anche notizie in gran parte inedite sulle prove, le proposte di remake, etc.

Grazie,

Sandro Montalto

Anonimo ha detto...

Visto che siete tra i pochi a conoscere ed apprezzare il film di Beckett con Keaton protagonista, mi permetto di segnalarvi il mio volume appena uscito "Beckett e Keaton: il comico e l'angoscia di esistere" (Edizioni dell'Orso, Alessandria 2006)che è il secondo libro al mondo e il primo in Italia su questo argomento.
Viene studiata l'influenza di scrittori, filosofi e registi, la forma cinematografica, le aderenze tra i mondi dei due artisti. Cisono anche notizie in gran parte inedite sulle prove, le proposte di remake, etc.

Grazie,

Sandro Montalto